Auguri per il 2019

Cari Nicorvesi,

non ho ancora avuto l’occasione per fare a tutti i migliori auguri per il 2019, pertanto cerco di rimediare con queste poche righe.

Le festività natalizie sono il periodo nel quale è inevitabile fare dei bilanci per l’anno che finisce e fare i migliori propositi per quello nuovo.

Il 2018 è stato un anno importante che ha visto due consultazioni elettorali. Il 4 marzo ci sono state le elezioni politiche a livello nazionale che hanno evidenziato, se ce ne fosse bisogno, una grande volontà di cambiamento e rinnovamento. Si è arrivati a fatica ad un governo eletto dal popolo (anche se non nelle coalizioni originarie) che sta tentando, con problemi di equilibrio, di percorrere vie sufficientemente nuove ma altrettanto scomode specie per i poteri forti. Non mi addentro in commenti e considerazioni politiche, ma lascio ad ognuno il proprio parere in merito.

Successivamente, il 10 giugno, ci sono state le elezioni amministrative che hanno ridato Nicorvo ad un’amministrazione eletta dai cittadini. Il nostro gruppo “Fare Comunità a Nicorvo” ha avuto la maggioranza dei consensi e da allora ha cominciato ad operare secondo quanto previsto dal programma elettorale sempre in linea con quell’idea di Comunità che tanto desideriamo ritrovare, mantenere e stimolare. In soli 6 mesi di passi ne sono stati fatti già tanti e, anche se c’è chi dice che nulla è stato fatto, desidero elencare i provvedimenti che hanno caratterizzato fino ad ora il nostro mandato:

  • siamo riusciti a dare vita ad un Gruppo di Volontari Civici;

  • con l’aiuto dell’AUSER e dell’ORATORIO, abbiamo ridato la Festa del Paese ai nicorvesi;

  • abbiamo ripristinato il concerto in occasione della Festa della Madonnina (ringrazio ancora Daniele Gardino e i suoi amici per averci regalato una serata super);

  • abbiamo deciso di evitare che i camion possano parcheggiare nel centro del paese rendendo più sicuro il transito dei mezzi.

  • abbiamo dato vita, in collaborazione con l’Oratorio, ad un doposcuola per i bambini di Nicorvo in età di scuole elementari e medie;

  • abbiamo illuminato il paese in occasione delle festività natalizie;

  • abbiamo a più riprese incontrato la cittadinanza a dimostrazione del fatto che il dialogo per noi ricopre l’aspetto più importante per una buona amministrazione.

  • abbiamo cominciato a recuperare i crediti vantati dal Comune nei confronti dei cittadini tramite il dialogo e non tramite riscossioni forzate e va sottolineata la buona risposta da parte dei Nicorvesi;

  • abbiamo riportato in “casa” alcuni servizi affidati a società esterne, quali la gestione degli affitti delle case popolari e il conteggio e l’emissione della TARI.

Abbiamo inoltre assunto decisioni gestionali che porteranno cambiamenti e risparmi a tutti i residenti e anche ai non residenti, non facendo mai mancare la massima attenzione per la Comunità che siamo stati chiamati ad amministrare.

Molte delle attività svolte sono state possibili grazie all’immenso e impagabile lavoro del Gruppo di Volontari Civici (già citato) e di chiunque abbia dedicato ore sottraendole alla propria famiglia e alle proprie attività quotidiane per donarle alla Comunità dimostrando nei fatti il proprio amore verso questo piccolo paese e l’enorme generosità che a volte è eccessivamente nascosta in molti nicorvesi.

I volontari, da subito, si sono attivati e tutti li hanno visti tirare a lucido la piazzetta della magnolia a fianco della Chiesa della Madonnina, nonché ripulire a più riprese e sistemare il cimitero ed effettuare interventi di manutenzione per tutto il paese. In occasione della Festa della Madonnina hanno sistemato tutta la piazza antistante le due Chiese e pulito i marciapiedi. Per non parlare dell’enorme lavoro svolto per allestire la Festa del Paese, posizionare le luminarie natalizie ed abbellire l’albero di Natale nonché gestire nel corso delle stagioni il verde pubblico.

A tutti loro, così come ai miei più stretti collaboratori (Daniele Gardino Vicesindaco e Giuseppe Sacchetti Assessore) e a tutti i Consiglieri Comunali (compresi quelli di minoranza), vanno i miei più sentiti ringraziamenti per aver sempre interpretato il lavoro svolto o da svolgere con impegno, senso del dovere ed entusiasmo nell’interesse della nostra Comunità.

Un ringraziamento va anche a chi, non residente a Nicorvo, ha portato il nostro paese nel cuore e si fatto parte attiva per la buona realizzazione dei vari eventi.

Un pensiero di particolare gratitudine va a Don Riccardo Campari che ha sempre sostenuto nelle parole, nei pensieri e nei fatti le iniziative intraprese consentendo la realizzazione di molti di questi progetti rendendosi esempio vivente del concetto di “Carità Cristiana”.

Desidero anche ricordare la recente apertura della Caffetteria dell’Ortica che ha in progetto di diventare un punto di riferimento per Nicorvo potenziando l’iniziale attività di Bar con quella di punto vendita di beni di prima necessità quali pane e altri prodotti alimentari alcuni provenienti direttamente da attività del nostro Comune.

L’anno prossimo ci aspettano nuove sfide, tante cose da fare e da organizzare nonché un grande lavoro amministrativo (anche per riportare ordine nella “macchina comunale”) da portare avanti per il bene dei Nicorvesi.

Quale auspicio per il 2019 oltre ad augurare a tutti salute e serenità, desidero portare un pensiero che, durante il l’ultimo periodo di ferie trascorso circondato dalle montagne che più amo, mi sento di porgere a tutti voi.

L’augurio è quello di avere la pazienza e la tenacia del camminatore che percorre sentieri di montagna. Infatti, quando si parte per conquistare una cima si può provare sconforto perché questa è alta, lontana ed imponente, ma passo dopo passo, metro dopo metro, curva dopo curva, con costanza e perseveranza, la cima si avvicina; e non bisogna correre perché ci si stancherebbe presto, e non ci si deve sedere o arrendere perché altrimenti non si riuscirebbe a raggiungere l’obiettivo che ci si è prefissati. Quando si arriva in cima il panorama è grandioso, la soddisfazione immensa e la fatica tende a scomparire.

Le difficoltà da affrontare sono le cime e il duro lavoro sono i passi che, uno dopo l’altro, ci porteranno fino in fondo.

Partire per questo cammino insieme è stato possibile. Ora è giunto il momento di perseverare e proseguire a costruire il bene di Nicorvo.

Auguro quindi con affetto a tutti voi e ai vostri cari il miglior 2019 possibile.

Michele Ratti