CORONAVIRUS – 2

Cari concittadini,

è con grande dispiacere che vi comunico che il nicorvese contagiato dal COVID-19, del quale ora conosciamo le generalità che non divulghiamo per questione di Privacy, è mancato in ospedale.

Ad oggi non vi sono ulteriori casi di contagio, tuttavia vi esorto a mantenere la massima attenzione e a rispettare tutte le norme igienico-sanitarie esposte e ben note ormai a tutti.

Il Comune è sempre a disposizione per le esigenze non sanitarie, pertanto, se avete bisogno, chiamate.

Mi raccomando rispettate le limitazioni previste dai DPCM del 8 e del 9 marzo e state a casa nei limiti del possibile.

 

Il Sindaco

Michele Ratti

CORONAVIRUS

Cari Nicorvesi,

l’ATS di Pavia, nella giornata di ieri, ci ha comunicato che abbiamo un caso di contagio da COVID-19 (Coronavirus) in paese.

Ovviamente, per questioni di privacy, non sappiamo chi questa persona sia, ma ci è stato comunicato che si sta curando al domicilio e che, come da procedura, sono state fatte le dovute indagini per capire con chi questa persona sia stata a contatto negli ultimi periodi.

La situazione NON è grave!

Ricordo a tutti che essere contagiati non significa essere appestati o malati terminali. A chiunque sia deve andare il nostro pensiero, la nostra solidarietà e il migliore augurio di pronta guarigione.

Alla cittadinanza questa informazione deve servire per non sottovalutare le disposizioni emanate dalle autorità competenti e per prestare maggiore attenzione.

Nella bachea del Comune, al bar, in posta e dal medico abbiamo affisso le misure igienico-sanitarie raccomandate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, ormai più volte ricordate attraverso tutti gli organi di stampa e di comunicazione.

Chiaramente la popolazione più a rischio è quella anziana e a Nicorvo gli anziani non mancano. Di fatto i decessi hanno colpito quasi sempre persone anziane con patologie importanti già presenti o comunque persone con uno stato di salute compromesso.

Evitiamo quindi reazioni di panico ingiustificato.

Dal Coronavirus si guarisce e la mortalità, anche se più elevata rispetto ad una normale influenza, è comuque bassa.

Quello che è di molto maggiore è la facilità di diffusione, ed è per questo che vi esorto a non sottovalutare la possibilità di contagio.

Per chiunque dovesse trovarsi in condizioni di isolamento domiciliare ed avesse difficoltà di qualsiasi genere (non sanitario – per quelle chiamare il 118), può telefonare in Comune 0384 52044.

 

Il Sindaco

Michele Ratti